Iraq: quando arriva la democrazia

Archiviato (e presto impiccato?) Saddam, in Iraq va tutto bene? Se guardate il TG5 sì. Se invece avete letto l’intervista di Kofi Annan alla BBC del 04.12.’06 saprete che la situazione in Iraq è diventata “molto peggiore” che in una guerra civile. «Esprimendo il proprio rammarico per non essere riuscito a impedire la guerra in Iraq, Annan, che il 31 dicembre lascerà la segreteria dell’Onu dopo 10 anni di mandato – scrive l’autrice dell’intervista, Lyse Doucet – osserva che “la vita dell’iracheno medio è peggiore ora che sotto il regime di Saddam Hussein”».

In ogni caso vi invito a vedere questo breve filmato. Non ci sono immagini cruente! Anzi è una scena di quotidiana amm.ne della giustizia:

 http://www.arcoiris.tv/modules.php?name=Downloads&d_op=getit&lid=6152&ext=_big.wmv

dal commento di Massimo Mazzucco che accompagna il filmato:

C’è una differenza abissale – forse incolmabile – fra quello che noi pensiamo che accada in Iraq, o in Afghanistan, e quello che davvero succede, giorno dopo giorno, su un teatro di guerra come quelli.

Visita il sito: www.luogocomune.net

per fare il download del filmato: http://www.arcoiris.tv/modules.php?name=Unique&id=6152

Questa voce è stata pubblicata in diario dei pensieri sparsi e taggata come , . Aggiungi ai segnalibri il permalink.

5 Responses to Iraq: quando arriva la democrazia

  1. Paolo dicono:

    Leggo che il filmato
    http://www.arcoiris.tv/modules.php?name=Unique&id=6152
    è stato inserito nel palinsesto di ArcoirisTV (canale 916 di SKY) per il giorno 08/01/2007 e sarà replicato il giorno 09/01/2007

  2. observer dicono:

    Prendo “in prestito” il video e lo pubblico sul mio blog. Buon anno…che il 2007 sia pieno di nuove idee e progetti 🙂

  3. Roberto dicono:

    Ti segnalo anche un articolo molto interessante su L’Internazionale di una o due settimane fa, una ricerca nella quale emergeva che il 70% circa degli iraqeni che avevano votato nelle elezioni post-Saddam non sarebbero più andati a votare.

  4. Simone dicono:

    significativo e assurdo allo stesso tempo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *