Potrebbe accadere di nuovo

Ricopio da AFRICA di Riccardo Barlaam, blog del Sole24ore:

  

Mandela da oggi non è più nella lista dei terroristi Usa
02/07/08
Gli Stati Uniti hanno ufficialmente tolto oggi il nome di Nelson Mandela dalla lista dei terroristi, un provvedimento in ritardo di molti anni ma giunto almeno in tempo per il novantesimo compleanno dell’ex presidente sudafricano, che sarà celebrato il 18 luglio prossimo. Con la firma del presidente George W. Bush sulla legge varata dal Congresso, ora Mandela potrà entrare nel Paese senza bisogno di una dichiarazione speciale del segretario di Stato che certifichi che non è un terrorista. Il leader sudafricano, che ha ricevuto il premio Nobel per la pace nel 1993, era stato inserito nella “black list” durante gli anni della Guerra Fredda per la sua appartenenza all’African National Congress (Anc), considerata un’organizzazione comunista per la sua lotta contro l’apartheid. L’Anc è il partito di governo in Sudafrica dal 1994, anno in cui Mandela fu eletto presidente dopo aver trascorso 27 anni in carcere.

Anziché un prevedibile “Al Novantesimo” o un inutile “Meglio tardi che mai”, che è l’aspetto meno significativo della vicenda, ho intitolato il post: “Potrebbe accadere di nuovo” che meglio esprime la portata della notizia. Altrimenti la Storia non ci insegna nulla. Potrebbe accadere, magari sta accadendo ora, in questo momento, che un personaggio che oggi la propaganda mette nella lista nera come esponente di uno stato canaglia, terrorista (aggiungeteci gli epiteti che volete), fra 30 anni potrebbe essere un mito, un Nobel per la pace. Quindi sempre meglio documentarsi sul profilo di un individuo, capire il contesto in cui opera, depurarne i contorni dagli aggettivi (turbolento, pittoresco, sinistro, tracotante, ecc) e dalle petizioni di principio che spesso sui media accompagnano un certo nome. Capire da noi chi sono Evo Morales o Hugo Chávez o un leader ceceno di cui facciamo fatica a capire persino il nome, capirlo oggi, senza aspettare un verdetto fra trent’anni. 

Dallo stesso blog un’altra notizia che potrebbe scompigliare le nostre certezze e confonderci ancora di più su definizioni categoriche come il cosiddetto “mondo libero”, paesi avanzati, stati canaglia, terroristi, vittime…:

Il G-8 taglia 25 miliardi $ di aiuti per l’Africa
I leader degli otto Paesi più sviluppati del mondo, nel prossimo summit di Hokkaido, Giappone, potrebbero decidere di tagliare gli aiuti allo sviluppo decisi al summit g-8 di Gleaneagles. E’ scritto su una bozza del documento preparatorio del prossimo vertice G-8, finita tra le mani di un giornalista del Financial Times: sono rimasti gli impegni di massima e le frasi di rito roboanti infarcite di retorica sullo sviluppo dei Paesi africani ma non si fa più menzione dei 25 miliardi di dollari di impegni all’anno, fino al 2010, decisi a Gleaneagles. Parole, parole, parole.

L’autore, Riccardo Barlaam

Questa voce è stata pubblicata in diario dei pensieri sparsi e taggata come , , , . Aggiungi ai segnalibri il permalink.

4 Responses to Potrebbe accadere di nuovo

  1. Carlo dicono:

    Finalmente Jordi Valle questo ineffabile è stato messo alla berlina.
    Dovreste conoscerlo per capire veramente che la realtà supera la fantasia ma non la sua.
    Purtroppo anche da questo il tipo ci guadagnerà e coninuerà a millantare conoscenze e frequentazioni ad altissimo livello.
    E’ necessario ammettere però che questo almeno fino a questo punto gli è stato possibile anche perchè le persone a lui vicine lo hanno appoggiato rispondendo per esempio alle sue telefonate fasulle quando faceva finta di parlare con il padreterno in persona ed assecondandolo.

  2. fabrizio dicono:

    Finalmente “jordi valle” è stato arrestato , subito processato e condannato a 18 mesi di carcere, per aver dato false generalità.
    Grazie al fatto che mesi fa fosse stato IDENTIFICATO dalle Forze dell’Ordine (grazie ad indagini svolte, ahimé, da alcune vittime supportate da un avvocato lecchese). Si è scoperto essere Giorgio Valle, nato a Sondrio il 7-11-1950. Italianissimo quindi e non catalano o francese come si spacciava da decenni dietro a infiniti alias : “jordi valle” era uno dei tanti.
    Leggi l’articolo di Annalisa Melandri:
    http://www.annalisamelandri.it/2012/01/jordi-valle-arrestato/

  3. maxi processo a carico di jordi valle dicono:

    Intanto c’è una nuova RICHIESTA DI RINVIO A GIUDIZIO per Jordi/Giorgio Valle.
    Richiesta inoltrata dal Sost. Procuratore della Repubblica di Como, Dott.ssa Valentina Mondovì.
    Già fissata l’udienza preliminare per il 26/09/2013 alle ore 10:00 al Tribunale di Como davanti il DR. STORACI.
    Il Valle è imputato di infiniti reati tra cui:
    – TRUFFA
    – FURTO
    – APPROPRIAZIONE INDEBITA -SOSTITUZIONE DI PERSONA
    – FALSITA’ IN SCRITTURA PRIVATA
    e molto altro, con aggravanti ecc.
    Contano i fatti NON le parole !

  4. luca dicono:

    sarebbe bene processare anche gli imbecilli che hanno dato retta a questo personaggio a

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *