Gli stupri sono in crisi

da ByoBlu il videoblog di Claudio Messora

Non si uccide più come una volta. Furti e omicidi a scopo di rapina negli ultimi venti anni sono diminuiti. Perfino dimezzati. Gli stupri sono in netto calo. Nel 2008 sono scesi da 5.062 a 4.637. L’ otto virgola quattro percento in meno. Le violenze sessuali aggravate, nel triennio 2006-2008, sono entrate in profonda crisi: -16%. E gli stupri di gruppo, le cosiddette gang bang, lamentano nel 2008 una diminuzione di ben il 24,6%.
Urgono immediate misure statali per contrastare questa tendenza. A Milano, nel 2006, si stupravano 526 donne. Quarantasei di loro nel 2008 sono rimaste a secco. Il settore è sull’orlo della bancarotta anche a Bologna dove, delle 179 donne violentate nel 2006, solo 139 sono riuscite a conservare la loro posizione nel 2008.

Il mercato dello stupro, insomma, è in forte crisi. Per fortuna gli italiani sono un popolo generoso. Oltre il 60% dei maschi autoctoni stringono la cinghia, o meglio la slacciano, per tenere il settore a galla. Sono loro che aggrediscono il mercato, generano domanda e vanno a cercarsi l’offerta. I romeni si danno un gran daffare ma non riescono a superare una quota del 7,8% del transato, tallonati dai marocchini con un promettente 6,3%. E’ il cosiddetto lavoro in nero.

Per non generare il panico, le emittenti televisive cercano di nascondere la crisi che ha colpito la microcriminalità. Il Centro di Ascolto dell’Informazione Radiotelevisiva ha rilevato che, tra il 2003 e il 2007, i TG nazionali hanno piu’ che raddoppiato il tempo dedicato alle notizie di cronaca nera, passando dal 10% al 24%.
La stampa dal canto suo ha cercato di fare quello che poteva. Siccome uno stupro al giorno toglie le altre crisi di torno, se non c’è bisogna inventarselo.

leggi il seguito qui

Questa voce è stata pubblicata in diario dei pensieri sparsi. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

One Response to Gli stupri sono in crisi

  1. A Roma ce fu ‘na coincidenza:
    Prima della tornata elettorale
    Scoppiò ‘mprovisa nella capitale
    ‘n’ondata criminale de violenza

    E a leggere la stampa nazionale
    Sembrava che quest’urtima indecenza
    Venisse solo dall’incompetenza
    Dell’amministrazione comunale.

    Da tempo ormai remoto la questione
    De pote’ controlla’ l’informazzione
    È er cruccio de chi vole anna’ ar governo

    Per il teorema attuale e sempiterno
    Che nella storia è stato dimostrato:
    Er popolo nun scejie, ma è guidato!

    Anonimo Monteverdino fecit in Roma
    26 marzo 2009

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *